Visualizzazioni totali

mercoledì 24 luglio 2019

Floorball Ladies... Giulia Polisciano

Inizia oggi, un nuova rubrica, questa volta dedicata alle nostre giocatrici, la rubrica si chiamerà, Lady Floorball, oggi la prima intervista sarà dedicata, a Giulia Polisciano, difensore Black Lions e della Nazionale Italiana femminile under 19, tipo tosto ma di gran cuore. Leggete come risponde alle nostre domande.


1) Ciao Giulia, intanto presentati ai nostri lettori, dicci chi sei, quanti anni hai e cosa fai nella vita .

Ciao floorballmaniatv mi chiamo Giulia Polisciano, sono di Roma, ho 17 anni e sono iscritta, al quarto anno superiore presso l'Istituto alberghiero di Ladispoli.

2) Allora se non erro, come hai detto in radio, tu Ballavi ... Poi il Floorball com'è successo?

È successo tutto molto in fretta, stavo seguendo un corso di ballo di gruppo, poi, vedendo mio fratello giocare, mi è venuta voglia di provare e, da li non ho mai smesso di giocare, ogni allenamento è un emozione. 

3) Perché hai scelto il Floorball e non un altro sport, magari più blasonato.

Ho scelto il floorball perchè è uno sport nuovo e,  le cose nuove mi intrigano sempre, le considero delle sfide. Ed io non mi tiro mai indietro, quando c'è una sfida. 

4) In termini di carattere, cosa ha dato il Floorball alla vecchia giulia, com'è cambiata. 

Il floorball ha cambiato totalmente, la vecchia Giulia, sono passata dall'essere insicura, timida e a volte, anche poco socievole, ad avere più fiducia di me stessa, aumentando la mia autostima. Ora in sostanza credo molto di pi, in me stessa e la timidezz è un vecchio ricordo.

5) nell'ultima stagione ti sei consacrata, diventando un punto di riferimento anche della nazionale italiana under 19 femminile, oltre che per il tuo Club, i Black Lions, cos'è successo raccontaci.

Dopo alcuni problemi personali, che avevano rallentato la mia crescita sportiva,  mi sono resa conto, che dovevo impegnarmi di più, che dovevo dare il massimo, per raggiungere il mio obiettivo, che era, fare bene con la mia squadra e realizzare il sogno, di fare una bella figura in nazionale. Li ho deciso di mettermi sotto con gli allenamenti, 4 volte a settimana senza mancare mai . I risultati si sono visti, ora so di essere utile anche in nazionale. 

6) A settembre le qualifiche mondiali di categoria e poco tempo fa MVP in Austria. Come vedi la squadra nazionale, cosa senti di dire alle tue compagne? 

La Nazionale la vedo molto cresciuta tecnicamente e fisicamente rispetto gli altri anni, questo, grazie anche ai tanti raduni e camp, fatti in tutta italia. Il mio MVP è stato il realizzarsi di un sogno. Per quanto riguarda le qualifiche, noi tutte sappiamo essere difficilissime, ma alle mie compagne, voglio dire, che se le affronteremo come una squadra, che è sicura del lavoro fatto, potremmo scrivere, un pezzo di storia del floorball italiano. Quale non ha importanza. 

7) parliamo del tuo Club, cosa significa giocare per i Black Lions, raccontaci il tuo senso d'appartenenza.

lIl mio club è unico. Per me non è solo una squadra un club ma è la mia famiglia, non so spiegarti bene, per me è tutto, non mi vedrai con un'altra maglia. La maglia dei blk è un turbinio di emozioni, ogni volta che la indosso è come sentirsi una seconda pelle. 

8) la persona che secondo te ti ha dato di più, contribuendo alla tua crescita tecnica e caratteriale. 

Sicuramente è Dario Falchi che ha creduto in me sin dall'inizio, mi ha fatto capire quanto fossi importante, all'interno della squadra. Oltre a Dario, anche Marco Pleimes che ha contribuito alla mia crescita dandomi tanti consigli.

9) obbiettivi per questa stagione, cosa ti aspetti con la femminile e cosa con la senior.

Con la femminile mi aspetto una stagione ricca di sorprese, siamo una squadra pazza, possiamo giocarcela con tutt, nello stile Black, sono sicura, che questa stagione, ci regalerà nuove emozioni e speriamo eccella in termini di risultati. Invece con la senior, mi aspetto una stagione impegnativa, darò il massimo.

10) ciao Giulia un saluto da Floorballmaniatv.

Ciao floorballmaniatv e grazie a voi per questa intervista.

2 commenti: